Il geniale poeta e intellettuale che incarna il futuro remoto, arriva a Matera per suggellare MaTerre:  Giorno ha talmente forte il coraggio di amare le proprie tradizioni che le stravolge e le reinventa con la rivoluzione nel cuore. Con John Giorno MaTerre ospita un vero nume tutelare della cultura mondiale.

Biografia

Fondatore di “Performance Poetry ” è una delle figure più innovative e rivoluzionarie che ha influenzato e stravolto il concetto di poesia del ventesimo secolo, portando alla genialità assoluta il genere dello Spoken Poetry.
La carriera di John Giorno dura da quasi cinquant’anni. Il suo lavoro (scritto, registrato e presentato in performance) ha per sempre cambiato il modo di vedere la poesia. Il suo libro “ You got to burn  to shine” (Per Risplendere Devi Bruciare – City Light Firenze 1998) – quello che più ha fatto discutere, tra i suoi tanti – offre i dettagli delle sue intime memorie personali, includendo (fra l’altro) la storia della sua relazione con Andy Warhol  (John è stata la star del primo film di Warhol ‘Sleep’ 1963), del suo animato incontro sessuale con Keith Haring e pensieri sull’interpretazione della morte nel Buddismo Tibetano nell’età dell’AIDS. Nel 1965 ha fondato ‘’Giorno Poetry Sistems’’. Nel 1968 ha creato ‘’Dial-A-Poem’’ innovando l’uso del telefono per le comunicazioni di massa.  La ‘’Giorno Poetry Sistems’’ ha prodotto più di quaranta ellepi e cd di poeti e artisti multimediali, video e films. Vive a 222 Bowery, N.Y. N.Y. in tre lofts, uno di questi ospitò W. S. Burroughs negli anni ’70 e ’80 (il famoso ‘’Bunker’’), ora tenuto come una reliquia. Un altro loft è sede di un Tempio Buddista Tibetano. 222 Bowery è la sede di ‘’Giorno Poetry Sistems’’. Nel 1984 fonda ‘’the AIDS Treatment Project’’ occupandosi con compassione della catastrofe epidemica dell’AIDS.

Per Giorno quello a Matera è un commosso ritorno. La sua famiglia è di origini italiane: proveniva da Aliano, un piccolo centro in provincia di Matera, che gli ha dedicato un museo.
Nel 2007 ha interpretato il film “Nine Poems in Basilicata” diretto da Antonello Faretta basato sulle sue poesie ed interamente girato nella sua terra di origine.
In Italia ha partecipato a “Napolipoesia 1999“, “Parole di Mare” (2000), “Il cammino delle comete” (2002) e Absolute Poetry Festival (2007).

 


The brilliant poet and intellectual who embodies the distant future, arrives in Matera to seal MaTerre: Giorno has so much courage to love his traditions that he upsets and reinvents them with the revolution in the heart. With John Giorno MaTerre hosts a true tutelary deity of world culture.

 

Biography

Founder of “Performance Poetry”, he is one of the most innovative and revolutionary figures that has influenced and distorted the concept of poetry of the twentieth century, bringing the genre of the Spoken Poetry to absolute genius.

John Giorno’s career has lasted almost fifty years. His work (written, recorded and presented in performance) has forever changed the way we see poetry. His book “You Got To Burn To Shine” (For Risplendere Devi Bruciare – City Light Florence 1998) – the most duscussed, among his many – offers the details of his intimate personal memories, including (among others) the story of his relationship with Andy Warhol (John was the star of the first Wahrhol film ‘Sleep’ 1963), of his animated sexual encounter with Keith Haring and thoughts on the interpretation of death in Tibetan Buddhism in the age of AIDS. In 1965 he founded ”Giorno Poetry Sistems”. In 1968 he created ”Dial-A-Poem” by innovating the use of the telephone for mass communication. The ”Giorno Poetry Sistems” has produced more than forty LPs and CDs of poets and multimedia artists, videos and films. He lives at 222 Bowery, N.Y. in three lofts, one of these hosted W. S. Burroughs in the ’70s and ’80s (the famous ”Bunker”), now kept as a relic. Another loft is home to a Tibetan Buddhist Temple. 222 Bowery is home to ”Giorno Poetry Sistems” too. In 1984 he founded ”the AIDS Treatment Project” dealing with compassion of the AIDS epidemic catastrophe.

To Giorno, the return in Matera is a moving moment. His family has Italian origin: he came from Aliano, a small town in the province of Matera, which has dedicated a museum to him.
In 2007 he played the film “Nine Poems in Basilicata” directed by Antonello Faretta based on his poems and entirely shot in his homeland.
In Italy he participated in “Napolipoesia 1999”, “Parole di Mare” (2000), “Il cammino delle comete” (2002) and Absolute Poetry Festival (2007).